Era ora! Spunta «Casina dell’Acqua» di fronte all’ex mattatoio…

Pubblicato il 12 agosto 2017 | Da Mario Lepore | Cronaca, Cultura, Economia, Lavoro, Natura, Venafro

VENAFRO. (Fonte PRIMO PIANO). Finalmente s’ammira la «Casina dell’ Acqua», seppure ancora “incartata”. In questi giorni è stato montato il modulo prefabbricato azzurro della struttura, con una bella copertura in plexigas, avvolto dai nastri in plastica con su scritto «lavori in corso». La realizzazione si può notare proprio di fronte all’ex mattatoio, in piazza Martiri del Lavoro. I lavori, iniziati a fine febbraio da una ditta di Sesto Campano, si erano subito interrotti alla realizzazione dei soli allacci sotterranei e della base in cemento. Il Comune aveva più volte sollecitato la ditta incaricata a riprendere le opere. Ma, ad un mancato riscontro, è subentrata a fine giugno la rescissione contrattuale con l’affidamento dei lavori  alla seconda società classificata in gara. Ora, in poco tempo, si sono visti i risultati. Si pensa che la prima «Casina dell’Acqua» realizzata in città possa erogare il prezioso liquido a prezzi calmierati (cinque centesimi per litro), già a partire dal prossimo autunno. La Casina sarà completamente automatizzata, come nei distributori della benzina. Si potranno introdurre schede o monete, per l’erogazione del liquido, attraverso un quadro elettronico fornito di vari bottoni. Niente di più e niente di meno di come si fa nelle stazioni di servizio, lungo le strade italiane. Si potrà scegliere acqua frizzante o liscia allo stesso identico prezzo di cinque centesimi, magari usando contenitori da utilizzare più volte e forniti gratuitamente a ciascun utente. Inoltre verranno fornite tessere magnetiche gratuite ai più bisognosi,  perché possano ricevere un tot numero di litri d’acqua, ogni mese. Tutto sarà legato al numero dei componenti la famiglia, secondo un preciso calcolo di consumo medio. Le tessere saranno rigorosamente personalizzate, onde evitare i soliti “commerci” o abusi. L’area sarà opportunamente videosorvegliata ed illuminata, in una zona considerata ad alto rischio per i tanti atti vandalici. Prevista anche una seconda struttura da realizzare nei quartieri d’espansione della città, intorno a via Maria Pia, sempre  da parte della stessa società affidataria. Ma questo è  già un altro discorso.

 

Informazioni sull’Autore

Vive e lavora a Venafro. Da ventisette anni fa il giornalista ed ha collaborato con il "Corriere Del Molise" sin dalla sua nascita (Gennaio 1990). Dal 1996 -anno di fondazione- ha collaborato con il quotidiano allora più diffuso della regione "Nuovo oggi Molise" e adesso con Primo Piano. Da sempre scrive per la Redazione di Isernia e soprattutto per la pagina di Venafro e dintorni. Si occupa di tutto: cronaca, politica, sport, costume, cultura ..., anche se il settore d'interesse principale attiene la politica locale.