«Miss Peregrine. La casa dei ragazzi speciali»..torna «Cinema sotto le stelle».. in piazza San Francesco…

Pubblicato il 12 agosto 2017 | Da Mario Lepore | Cronaca, Cultura, Politica, Turismo, Venafro

VENAFRO. Cinema “sotto le stelle”. Per il quinto anno consecutivo la città di Venafro rientra nel circuito del Festival di MoliseCinema. Torna infatti “Cinema in piazza” con la proiezione in piazza Nicola Merola (conosciuta anche come piazza San Francesco), dove verrà allestito un vero e proprio cinema all’aperto, di un film selezionato dall’associazione «MoliseCInema». Quest’anno verrà proiettato, giovedì 17 agosto con inizio alle 21,30, «Miss Peregrine. La casa dei ragazzi speciali» di Tim Burton. Mezz’ora prima saranno proiettati due “corti” d’autore. In uno dei due viene citata anche Venafro. L’ingresso è aperto a tutti e gratuito. L’evento ristra nel cartellone dell’ «Estate Venafrana».

Trama del film: «L’adolescente Jake Portman, in seguito alla tragica morte del nonno, si reca in una piccola isola del Galles alla ricerca di un gruppo di bambini dal talento speciale, che vivono in una casa diretta dalla misteriosa direttrice, Miss Peregrine, di cui il nonno gli ha molto parlato durante l’infanzia. Dopo aver trovato la casa dove il nonno aveva vissuto durante l’infanzia (demolita dall’esplosione di una bomba tedesca durante la seconda guerra mondiale), Jake viene portato dai ragazzi che vi ha incontrato in una grotta, tramite la quale si ritrova nel 1943. Il ragazzo ha così l’occasione di incontrare Miss Alma Peregrine e gli altri “speciali”: Emma, una ragazza più leggera dell’aria, che deve indossare delle scarpe di piombo per rimanere a terra; i gemelli, che indossano un costume bianco che copre loro l’intero corpo ed hanno la capacità di trasformare le persone in pietra; Millard, un ragazzo invisibile; Horace, che fa sogni premonitori e può trasmetterli; Browyn, una bambina con la forza di dieci uomini; Fiona, che ha un rapporto particolare con le piante; Olive, che può controllare il fuoco; Enoch, un ragazzo che sa dar vita a qualsiasi oggetto; Hugh, un ragazzo le cui api vivono dentro di lui e infine Claire, una bambina che ha un enorme bocca con denti affilati dietro la nuca. Jake passa una bella giornata con i ragazzi, ed assiste al “riavvio” del loop temporale in cui essi vivono: Miss Peregrine è infatti una Ymbryne, una speciale capace di controllare il tempo che usa il proprio potere per creare rifugi sicuri per gli altri speciali, delle sacche di tempo in cui la stessa giornata si ripete all’infinito e collegate al mondo reale da ingressi nascosti (come la grotta). Il ragazzo deve però tornare a casa, ed Emma lo accompagna al passaggio, spiegandogli che non può seguirlo nel suo tempo perché dopo poco invecchierebbe di colpo. Mentre si trovano nella grotta, trovano un uccello ferito, un’altra Ymbryne venuta a cercare Miss Peregrine. Tornando verso il villaggio, Jake incontra il padre, a cui mente dicendo di aver passato la giornata con alcuni ragazzi dell’isola. Viene però smentito subito, oltre ad essere accusato dell’uccisione di alcune pecore. Il padre di Jake vorrebbe riportarlo a casa, convinto che il suo stato psichico stia peggiorando, ma si addormenta pesantemente dopo aver bevuto troppo. Il ragazzo ne approfitta per tornare nel 1943, dove Enoch gli fa incontrare Victor, il fratello morto di Browyn, ucciso da un Vacuo, la stessa creatura mostruosa che ha ucciso suo nonno e viene così a conoscenza di un terribile pericolo che incombe sui suoi nuovi amici. I Vacui sono creature con lunghi tentacoli, alti e stilizzati e senza un volto, generati da un esperimento fatto da uno speciale e dai suoi sostenitori molto tempo fa; essi desideravano il potere delle Ymbryne, le creature come Miss Peregrine, che sono in grado di comandare il tempo e di generare anelli temporali per passare da un secolo all’altro. L’esperimento, non andato a buon fine, aveva trasformato tutti gli speciali cattivi in Vacui, e successivamente essi avevano scoperto che, per riassumere le sembianze umane, era necessario mangiare gli occhi dei bambini speciali. Jake scopre di avere un dono indispensabile: riesce a vedere i Vacui, a differenza degli altri speciali, che invece riescono a intravedere solo le loro ombre. Dopo che Barron, il capo dei Vacui, cattura Miss Peregrine, la porta al loro laboratorio alla torre di Blackpool per rifare l’esperimento. Tutti i bambini, guidati da Jake, si organizzano per andarla a salvare e a distruggere i Vacui. Jake riesce a liberare Miss Peregrine, ma si scontra con Barron che prende le sue sembianze e cerca di ingannare gli amici di Jake; loro all’inizio sembrano crederci, ma poi il vero Jake trova il modo per far capire che è il vero se stesso, grazie alla sua capacità di vedere i Vacui. Sarà proprio uno di questi ad uccidere Barron, che lo scambia per il ragazzo e gli strappa fatalmente gli occhi. Morto Barron, la battaglia è vinta, ma per Jake è arrivato il momento di ritornare nel suo tempo e questo significa dire addio ad Emma e agli altri bambini speciali. Dopo un affettuoso saluto, Jake ritorna in Florida dal nonno, che ora è vivo, dato che il Vacuo che l’ha ucciso è morto durante un’esplosione nella seconda guerra mondiale. Il nonno di Jake capisce però che il nipote vuole tornare da loro e gli consiglia come fare, cioè ritornare indietro nel tempo attraverso gli anelli. Jake torna allora da Miss Peregrine e da tutti i suoi amici. Arrivato, va da Emma e i due si baciano, mentre Miss Peregrine vola sopra di loro».

Informazioni sull’Autore

Vive e lavora a Venafro. Da ventisette anni fa il giornalista ed ha collaborato con il "Corriere Del Molise" sin dalla sua nascita (Gennaio 1990). Dal 1996 -anno di fondazione- ha collaborato con il quotidiano allora più diffuso della regione "Nuovo oggi Molise" e adesso con Primo Piano. Da sempre scrive per la Redazione di Isernia e soprattutto per la pagina di Venafro e dintorni. Si occupa di tutto: cronaca, politica, sport, costume, cultura ..., anche se il settore d'interesse principale attiene la politica locale.